Dagli spumanti, ai frutti di mare, al pesce e ai formaggi, il Regno Unito ora sorpassa la Francia per tutto quello che è la gastronomia di prima classe e diviene il paradiso gastronomico del mondo.
Dozzine di ostriche giganti innaffiate con champagne vintage di produzione britannica, poi una grande tranche di salmone affumicato, formaggio camembert artigianale: – non esiste pranzo più fine o più elegante di quello inglese. Potresti goderti queste prelibatezze in vacanza nella vicina Normandia.
Per decenni, i britannici hanno desiderato di poter mangiare così bene anche nel proprio paese. Ma, per quanto la leggendaria tartaruga superi la lepre, ora si mangia e si beve ultra bene anche in Gran Bretagna.
Finalmente i sudditi di Sua Maestà stanno battendo il mondo nella produzione dei migliori prodotti gastronomici.

Questa settimana, il formaggio online Cheesegeek ha riferito che oltre 1.000 formaggi sono prodotti da artigiani nel Regno Unito, mentre solo 550 formaggi sono prodotti in Francia.
Due case di champagne francesi, Taittinger e Vranken Pommery Monopole, hanno acquistato dai produttori inglesi, vigneti nel sud dell’Inghilterra. I vini spumanti inglesi stanno anche vincendo premi internazionali. I frutti di mare stanno andando molto forte per qualità e freschezza.
Ora sono i più ricercati al mondo per varietà, e abbondanza, le vendite stanno fiorendo, nonostante le affermazioni secondo cui la Brexit avrebbe suonato la sua campana a morte.
I turisti si stanno riversando sulla costa britannica alla ricerca dell’aragosta, del granchio, della sogliola di Dover e del rombo, ed i branzini.

C’è un mercato in espansione per l’acquisto di pesce online, che vanno direttamente dalle barche al consumatore.
“Per favore, permettete a noi sfavoriti culinari di goderci questo dolce momento” – dice Rosie Prince – scrittrice e giornalista esperta di cibo e vini – :
“noi inglesi siamo stati derisi senza pietà per il nostro amore per le patatine fritte e mollicce, la birra calda, le colazioni calde e il manzo stracotto”.

I francesi hanno a lungo immaginato che vivessimo di fagioli in scatola e cene surgelate, che il microonde fosse la nostra grande cucina. E abbiamo sopportato secoli di insulti: “Non puoi fidarti delle persone che cucinano male come gli inglesi”, ha deriso il presidente francese Emmanuel Macron.
Sì, quelle parole fanno male ma, alla fine, gli inglesi si sono seduti davanti a un grande piatto di giustizia e si stanno facendo l’ultima risata – ed ecco perché: rallegrati del nostro formaggio campione. La proliferazione di formaggi speciali nel Regno Unito è un’incredibile storia di progresso.
Prima della seconda guerra mondiale c’erano più di 3.500 casari artigianali in Gran Bretagna. La maggior parte è stata chiusa con la forza poiché tutto il latte prodotto era necessario per produrre latte in polvere per lo sforzo bellico. Dopo la guerra, nella fattoria ne erano rimasti solo 100 che producevano formaggio. “I nostri formaggi sono persi in Inghilterra”, scrisse Dorothy Hartley nel suo libro fondamentale del 1954, Food In England, e per chiunque fosse nato prima del 1980, il formaggio del dopoguerra significava Cheddar e Dairylea.
Era la Francia a cui ci siamo rivolti per il nostro formaggio,. Uno dopo l’altro, però, i piccoli caseifici iniziarono a far rivivere i vecchi grandi formaggi britannici generici come il West Country Cheddar, il Caerphilly, il Cheshire, il Lancashire e il Wensleydale, facendo i formaggi a mano e avvolgendo i tondi in tela cerata, come ai vecchi tempi.
Dalla fine degli anni ’70 ad oggi c’è stata una rivoluzione casearia britannica. Molti dei marchi sono formaggi “britannici moderni”, ispirati ai grandi formaggi d’Europa, il mimetismo è l’adulazione, ovviamente.

Ora abbiamo versioni più che accettabili di Camembert, Brie, pecorino, manchego, Roquefort, Vacherin Mont d’Or o piccoli formaggi di capra freschi immersi nella cenere come quelli che si trovano nei mercati francesi. Nomi come Wigmore, Baron Bigod, Lord of the Hundreds, Penystone, Winslade e Tunworth sono elencati nel lungo elenco di formaggi davvero eccezionali. I produttori di formaggio pionieri come Neal’s Yard Dairy hanno iniziato con grande successo a vendere i nuovi formaggi nel loro negozio nel centro di Londra.
Ora vendono online come con Cheesegeek, Fine Cheese Co. e molti altri. Secondo la Specialty Cheese Association, il settore del formaggio artigianale vale 100 milioni di sterline all’anno.
Un cambiamento rivoluzionario nel modo in cui gli inglesi apprezzano i frutti di mare ora significa che stiamo mangiando il pesce locale più fresco a casa o nei ristoranti.
Non è sempre stato così: ricorda i banchi puzzolenti di Mac Fisheries, un tempo la catena di pescivendoli preferita della Gran Bretagna!
I francesi sono sempre stati consapevoli del pesce e dei crostacei di qualità superiore della Gran Bretagna. Come scrittrice di cibo, ho passato molte mattine presto nei mercati ittici britannici, ascoltando gli acquirenti blaterare in francese sui loro telefoni cellulari durante le aste per il miglior rombo e sogliola di Dover. Ecco dove è andato! Sono il nostro più grande mercato di esportazione. I pescherecci britannici sbarcano anche una grande quantità di pesce sulla costa francese per comodità. Il nostro pesce di rango più alto, più fresco e più costoso è quello catturato da viaggi brevi o “barche giornaliere”, che rappresentano circa il 10% del pescato totale del Regno Unito.
Fino a poco tempo, l’80% di questo pescato veniva esportato in Francia e Spagna, i cui clienti più esigenti erano felici di pagare per pesce di valore superiore, ma ora viene recuperato da un consumatore britannico appena istruito. Una campagna durata due decenni condotta da chef televisivi e cuochi come Rick Stein ci ha convinto a mangiare più pesce fresco e sbarcato localmente e a provare nuove specie come gallinella, seppia, rombo o sogliola. Anche la popolarità dei molluschi è cresciuta. Le ostriche, un tempo una rarità nei menu, sono tornate popolari. Il nostro granchio marrone è considerato il migliore al mondo a causa delle acque fredde e possiamo persino acquistare altri pregiati crostacei – allevati nel Jersey. Quindi questi sono tempi eccitanti. In sostanza, non è più necessario vivere vicino a un buon pescivendolo per acquistare il pesce più fresco. Ci sono venditori di frutti di mare online che consegneranno anche molluschi vivi a casa tua tramite corriere notturno. Naturalmente, dobbiamo inumidire il palato mentre ci godiamo i sapori dei frutti di mare o il formaggio, e lo spumante britannico è fenomenale.

A rigor di termini, non possiamo chiamarlo champagne secondo le regole della denominazione, poiché non è prodotto nella regione francese, anche se è prodotto allo stesso modo utilizzando gli stessi vitigni. Tuttavia, dal momento che Stati Uniti, Canada e Australia producono “Cheddar” – il prodotto di una città del Somerset – è perfettamente corretto parlare dello straordinario successo commerciale dello “champagne” del Regno Unito. Secondo Wines Of Great Britain, la maggior parte delle uve ora coltivate qui viene utilizzata per fare lo spumante. Il 70% degli impianti di vite sono Chardonnay, Pinot Nero e Pinot Meunier, la trinità di uva più spesso utilizzata per produrre champagne e qualsiasi spumante britannico etichettato come “classico” sarà prodotto utilizzando il tradizionale méthode champenoise. Le vendite sono aumentate nel 2020 del 30%; l’anno scorso abbiamo acquistato 6,5 milioni di bottiglie, pari al 22% delle vendite di champagne. E gli champagne inglesi sono generalmente molto buoni: Camel Valley ha vinto una medaglia d’argento all’International Wine Challenge, 2018. Nyetimber ha vinto l’oro ai Wine World Championships 2020 e gli spumanti Ridgeview hanno vinto diverse medaglie d’argento ai Decanter World Wine Awards.

I prezzi sono ancora relativamente alti; non troverai una bottiglia d’occasione come puoi fare con uno champagne francese. Gli spumanti sono prodotti in molte zone dell’Inghilterra, alcune in Galles, ma il terroir più pregiato è riconosciuto nel sud dell’Inghilterra, nel Kent, nei South Downs, nell’Hampshire e nel Dorset. e infine . . . Non confondere la mia gioia per questi risultati con qualsiasi tipo di trionfo sciovinista. Ho amato e ammirato la cultura gastronomica francese sin da quando ero bambino. Mia nonna viveva in Francia, la cucina di mia madre è stata fortemente influenzata da ciò che ha imparato lì e noi bambini siamo stati i fortunati beneficiari.Migliaia di casari britannici sono andati perduti durante la seconda guerra mondiale, ma i formaggi del West Country Cheddar, Caerphilly, Cheshire, Lancashire e Wensleydale hanno continuato a crescere in popolarità Nella nostra scuola del villaggio del Buckinghamshire negli anni ’70 credo che io e mia sorella fossimo gli unici bambini a puzzare fortemente di aglio. Il mio amore per la Francia, il suo cibo e il suo vino mi hanno messo sulla strada della mia carriera. Ma, dopo aver scritto di cibo per 25 anni, ho anche visto molti grandi produttori britannici insinuarsi dietro le loro controparti francesi, la Ford Mondeo che ha sorpassato la Citroen 2CV, per così dire. I francesi si sono accontentati della loro posizione di leader culinari: i visitatori hanno scherzato sul fatto che mangiare fuori in Francia significava essere falliti in un ristorante stellato Michelin o essere insultati in una brasserie o bistrot, sia dal personale che dal cibo.

Per non parlare della loro cultura del fast food è imbarazzante, con McDonald’s in Francia il secondo più redditizio dopo gli Stati Uniti Come produttori, tuttavia, sono esemplari. Non siamo ancora all’altezza della loro capacità di coltivare abbastanza verdure e cereali per essere ammirevolmente autosufficienti in questi elementi quotidiani essenziali, non importa champagne e ostriche. C’è ancora molto da imparare dal modo in cui i francesi coltivano, fanno acquisti, cucinano e mangiano”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.