I Lloyds di Londra gli avevano assicurato la lingua. Contro le scottature per 10 milioni di sterline.

Quest’anno, il partenopeo Gennaro Pelliccia, celebra con una bella meritata vacanza i 30 anni di lavoro come sommeliere del Caffè.
Era sbarcato qualche anno fa agli onori della cronaca, perche’ era riuscito a convincere il famoso gruppo assicurativo i Lloyds che di solito assicura le tragedia della natura e le petroliere, a farsi assicurare la lingua contro le scottature per ben 10 milioni di sterline.
Gennaro Pelliccia e’ il testimonial dell’arte italiana del rinventarsi e creare nuovi opportunita’ di lavoro anche con l’aria fritta.
Una storia da sballo, o diciamo da caffeina, perche’ ha saputo sfruttare le sue origini napoletani, dove il caffe’ fa parte dalla gioia di vivere e dalla spinta energetica che questa miscella torrefatta in diverse maniere e con diverse miscele di origine, da al logorio della vita moderna.

Arrivato a Londra proprio 30 anni fa si era presentato negli uffici della Costa Coffee riuscendo a convincere la compagnia che per avere successo nel business bisognava impiegare uno che del caffè ne conosce tutti i segreti un “Master of Coffee” o assaggiatore del caffè, per scegliere le miscele giuste ed inserire nel mercato un caffe’ degno di questo nome e non la solita brodaglia nera che 30 anni fa era servita in tutte le caffetterie del Regno Unito.
Le papille gustative di Gennaro Pelliccia riescono a distinguere qualsiasi tipo di chicchi di caffe riuscendo a distinguerne come per il vino, anche la provenienza, suggerendo il grado di giusta torrefazione per un risultato eccellente e piacevole al palato di chi la beve.
La compagnia Costa, fondato 50 anni da Sergio Costa, un giovane imprenditore proveniente da Borgo Val Di Taro un paesino in provincia di Parma che aveva intuito le possibilita’ di offrire agli inglesi un diversivo della solita tazza di the.

Oggi grazie all’intraprendenza degli italiani il caffe’ ha superato di gran lunga le foglie di Ceylon. Costa Coffee vende oltre 108 milioni di tazzine di caffe’.
Il gruppo assicurativo piu’ grande del mondo i Lloyds di Londra avevano assicurato la Lingua di Gennaro Pelliccia per ben 10 milioni di sterline, facendola diventare la piu’ preziosa del mondo.
Il lavoro di Gennaro e’ quello di degustare e classificare oltre 5000 tipi diversi di caffe all’anno. “Grazie alla mia esperienza – ci racconta – sono in grado di distinguere tutti i sapori delle miscele
Per questa sua unica caratteristica la compagnia di caffe che l’aveva ingaggiato era riuscita a convince i Lloyds a stipulare una polizza assicurativa con un premium di 10 milioni di sterline a favore della lingua di Gennaro Pelliccia.

Leave a Reply

Your email address will not be published.