(dal nostro inviato speciale a Cardiff)

Dunque da dove cominciare? Si è vinto di nuovo dopo una sfilza di 36 sconfitte, troppe a dir la verità, più o meno onorevoli ma sempre sconfitte. Era dal lontano 2015 che non si assaporava la gioia della vittoria e per di più su un campo ostico come può esserlo quello di Cardiff e per la prima volta, pure. E dato che è risaputo che gli italiani amino cucinare i tutti questi anni ci hanno appoppiato sul groppone un interminabile sfilza di “cucchiai di legno” o wooden spoons fantasmatico premio rifilato agli ultimi.

2022 Guinness Six Nations Championship Round 4, Stadio Olimpico, Rome, Italy 12/3/2022Italy vs ScotlandItalys Michele Lamaro during the national anthem Mandatory Credit ©INPHO/Ryan Byrne

Oltre a mestoli di varie misure, coltelli forchette pentole e padelle tanto per farci felici. Ma veniamo agli ultimi minuti del match con il Galles in vantaggio 21-15. Siamo in attacco e di per se è già una novità. L’arbitro ci concede un fallo, calciamo in touche in posizione ottimale.. e invece frittata fatta. Perdiamo la rimessa… l’ultima chance?? Macché.. il mediano gallese chissà perché’ calcia un lungo up and under sulla metà campo tra le braccia del nostro Capuozo che s’invola verso la metà. Ne dribla un paio poi letteralmente schiava Adams e ai 5 metri passa all’occorrente Padovani che lemme lemme segna sotto i pali. Mancano una manciata di secondi. Con la trasformazione di Garbisi passiamo 21-22 e con l’orologio in “rosso” l’arbitro fischia la fine!!!

Stadio ammutolito per poi scatenarsi in un caloroso applauso per i meritevoli vincitori. Ora che questo sia un inizio, una prima vittoria senza più aspettare anni. Se la FIR finalmente si mette in testa di investire sui giovani, campi, allenatori e palloni invece di uffici o parco macchine vedremo la nostra Italia tenere testa alta sempre e ovunque.PS. Un amico mi ha confidato una volta:” i francesi giocano un rugby champagne… noi veneti? Rugby prosecco!!!” A voi la scelta. Foto: Londra Sera era presente in un altra vittoria italiana nel lontanissimo 2007. E nel 1999 alla RWC.

EB

Leave a Reply

Your email address will not be published.