OLTRE 100,000 ITALIANI HANNO GIURATO FEDELTÀ ALLA REGINA PER DIVENTARE CITTADINI BRITANNICI

DOPO LA BREXIT – oltre 5 milioni di cittadini dell’UE hanno presentato domanda per rimanere nel Regno Unito: 1,7 milioni in più rispetto alle stime del Ministero dell’Interno. Il Ministero dell’Interno ha sottovalutato quanti cittadini dell’UE avrebbero chiesto di rimanere dopo la Brexit.
Watchdog ha affermato che il numero che cerca di rimanere ha “di gran lunga superato” le previsioni di Whitehall.
I funzionari ritenevano che tra 3,5 milioni e 4,1 milioni sarebbero stati idonei a presentare domanda
In realtà, alla fine di dicembre erano state accolte 5,2 milioni di domande.
Il Ministero dell’Interno ha sottovalutato fino a 1,7 milioni di cittadini dell’UE che avrebbero chiesto di rimanere qui dopo la Brexit. Un funzionario del Ministero dell’Interno, ha affermato che il numero che cerca di pro- teggere il proprio diritto a vivere e lavorare nel Regno Unito – e continuare a utilizzare servizi tra cui il NHS – ha “superato di gran lunga” le previsioni dell’Home OfficeI Priti Patel, riteneva che tra 3,5 milioni e 4,1 milioni sarebbero stati idonei a richiedere lo “status di insediamento” nell’ambito dell’EU Settlement Scheme, o EUSS, 1,7 milioni in più equivalgono all’incirca alle popolazioni di Birmingham e Liverpool messe insieme.
Il rapporto dell’ispettore capo indipendente per le frontiere e l’immigrazione, David Neal, rivela come il
governo sia stato colto alla sprovvi sta dal numero reale di cittadini dell’UE.
Le stime ufficiali erano basate sui dati dell’Ufficio di statistica nazionale che indicavano che qui vivevanosolo 3,45 milioni di europei, afferma il rapporto dell’ispettore. “I numeri che si applicano all’EUSS hanno superato di gran lunga le stime del Ministero degli interni”, ha aggiunto.
Le domande di cittadini rumeni, bulgari, italiani, portoghesi e spagnoli nel Regno Unito erano superiori alle stime. L’EUSS è stato il primo esercizio a contare formalmente il numero di europei che vivono in Gran Bretagna. Il governo laburista di Tony Blair si basava su una ricerca che suggeriva che 13.000 migranti in più all’anno sarebbero arrivati nel Regno Unito dal 2004, quando la Polonia e altre sette
nazioni dell’Europa orientale si sono unite al blocco. L’ex ministro dell’Interno laburista Jack Straw ha
ammesso nel 2013 che consentire ai migranti dell’Europa orientale un
accesso illimitato al mercato del lavoro britannico è stato un “errore spettacolare”.
Alla fine dello scorso anno il maggior numero di domande EUS proveniva dai rumeni, con 1,13 milioni, seguiti dai polacchi con 1,12 milioni. Terzo erano gli italiani con 560.000.
Il rapporto di Neal citava un “stakeholder” senza nome che diceva: “Non sappiamo quanti cit- tadini dell’UE vivono nel Paese, non sappiamo dove vivono e non sappiamo di quale naziona- lità sono.” Una volta che una domanda EUS è stata approvata, gli europei possono vivere e
lavorare nel Regno Unito a tempo indeterminato. Mantengono i loro diritti pre-Brexit di utiliz- zare il SSN, studiare e accedere a fondi e bene- fici pubblici.
L’Euss ha ricevuto poco meno di 6,4 milioni di domande entro la fine dello scorso anno, ma piccole percentuali sono state respinte, ritirate, non valide o duplicate.
Alp Mehmet, di Migration Watch UK, che si batte per controlli alle frontiere più severi, ha dichiarato: “Questa relazione ricorda l’enorme divario tra il numero di cittadini dell’UE che ci è stato detto che erano qui e il numero effetti- vo. Ciò pone seri dubbi su altri dati sull’immi-
grazione del governo, che ha costantemente sottovalutato la portata e sottovalutato la migrazione futura.
Tale inaffidabilità non è persa per l’elettorato. Madeleine Sumption, direttrice dell’Osservatorio sulla migrazione dell’Università di Oxford, ha dichiarato: “Gli analisti sospettavano da tempo che i dati ufficiali quasi certamente sottovalutassero il numero di persone che vivono qui. “Ma è anche importante notare che il numero complessivo di colo- ro che hanno ottenuto lo status di insediato nell’ambito dell’EUSS potrebbe non trovarsi più in questo paese e stavano facendo domanda semplicemente per mantenere aperte le loro opzioni in futuro.

Leave a Reply

Your email address will not be published.